Sovrapposizioni Urbane Spotorno e Noli laboratori di idee e nuovi scenari

sovrapposizioni urbaneSettantacinque studenti di Architettura, di età compresa tra i 22 e i 23 anni, sono stati arruolati dai Comuni di Spotorno e Noli per ripensare e progettare alcune aree urbane dismesse e sottoutilizzate. I loro progetti, che rappresentano un possibile esempio di riqualificazione territoriale e sviluppo sostenibile, sono stati elaborati durante il Laboratorio

Progettazione Architettonica III C
Coordinato e diretto dal professor Architetto Carlo
Alberto Cozzani e dal suo staff. Nei prossimi giorni i lavori verranno presentati dai docenti, gli studenti e i laureandi alle Amministrazioni Comunali e alla cittadinanza in occasione del workshop che si svolgerà, dal 4 all’8 giugno, presso la Fondazione Sant’Antonio a Noli.

Questo progetto di ricerca nasce da una convenzione che i due Comuni di Noli e Spotorno hanno siglato a ottobre 2012 con il Dipartimento di Scienze per l’Architettura (DSA) dell’Università di Genova. Le Amministrazioni Comunali avevano ipotizzato di utilizzare le aree individuate per la realizzazione di porticcioli turistici, ma l’entrata in vigore del Piano della Costa Regionale ha posto un fermo a questa possibilità. Alla luce di ciò le due Amministrazioni hanno ritenuto opportuno affidare al DSA il compito di ripensare le destinazioni future delle due discariche (ex Serra ed ex Nereo), ma anche delle aree limitrofe sia sulla costa che nell’entroterra.

Da anni il DSA ha intrapreso la politica di impegnare gli studenti su temi per i quali il dibattito architettonico è attivo e chiede sempre una ricerca approfondita, il più possibile legata a problematiche reali che il territorio propone in ogni sua parte. Il metodo di lavoro scelto è quello creare sinergie tra Facoltà e Amministrazioni, in modo che gli studenti possano cimentarsi, già durante la fase di formazione, con quello che dovrà, per forza di cose, essere il loro campo di azione: il progetto a scala urbana. Tali esperienze fatte negli anni passati hanno consolidato questo metodo portando alla luce la ricerca didattica su temi attuali e concreti ottenendo ottimi risultati sia a livello nazionale che regionale.

«L’Università – spiega il professor Cozzani – si propone come fulcro di una rete esistente, sia territoriale sia disciplinare, unica nel suo genere. Una rete che ha al suo interno capacità scientifiche e culturali libere da tutte quelle “forze invisibili” che a volte condizionano il contesto progettuale. Da questo punto di vista, i docenti possono guidare e indicare le strategie più appropriate, e parallelamente, gli studenti possono esercitare le loro capacità con menti fresche e scevre dai condizionamenti di chi è già inserito nel mondo del lavoro».

Le due Amministrazioni Comunali sono ottimiste di poter finalmente avere la possibilità di sistemare il tratto di costa, che da 50 anni attende una definitiva e corretta soluzione, restituendogli dignità ed estetica, fattori essenziali per due paesi a livello turistico-economico della Regione Liguria quali sono Spotorno e Noli.
«Abbandonata l’idea di realizzare un porto – spiega Ambrogio Repetto, sindaco di Noli – è necessario individuare nuove prospettive per questo tratto di litorale; nuove idee che suggeriscano la sistemazione di aree da troppi anni degradate e che potrebbero essere inserite già nel Piano Urbanistico Comunale che stiamo definendo».

Le Amministrazioni locali puntano molto sulla partnership con l ‘Università. «Siamo fiduciosi – sottolinea Giampaolo Calvi, sindaco di Spotorno – e favorevolmente predisposti perché riteniamo che gli studenti, liberi da ogni vincolo e idee preconcette, possano esprimere creatività e capacità di spaziare. Speriamo, inoltre, che le loro proposte possano essere appetibili per dei privati che disposti a intervenire e investire sul nostro territorio».

Per informazioni:
Professor Carlo Alberto Cozzani uni@lab-a.it
Silvia Baglioni silvia.baglioni@tin.it +39 3398270724

Edinet - Realizzazione Siti Internet