Bergeggi

Una vacanza a Bergeggi offre piacevoli sorprese.

Un mare splendente incorniciato da bellissime spiagge, l’Isola, le falesie a picco sul mare, le Grotte marine, la Grotta della Galleria del Treno, la sughereta, e l’opportunità di visitare l’Area Marina Protetta dove nuotare ed immergersi in fondali straordinari.

ROBERTO ARBOSCELLO


Roberto Arboscello, sindaco di Bergeggi

Il paese è un piccolo centro turistico arroccato sulle pendici del Monte S. Elena (347 m) che si affaccia sul mare e sull’omonima isola. L’antico borgo è formato da case, con tipici tetti a terrazza, riunite a formare piccoli agglomerati sparsi tra ulivi e vigneti, collegati tra loro da una fitta rete di vicoli che scendono fino al mare.

Il principale sito archeologico è il Castellaro di Monte S. Elena. Si tratta di un antico nucleo abitativo costruito a partire dal VI – V sec. a.C., di cui sono stati portati alla luce i resti di mura di cinta, di un forno e di almeno un’abitazione.

Risalgono al Medioevo e ad epoche successive i numerosi forti e le torri di avvistamento che, costruiti sulle alture di Bergeggi, testimoniano la necessità di proteggere la costa, e soprattutto l’antico porto di Vado, dagli attacchi sferrati dal mare nelle diverse epoche.

Ancora in buono stato di conservazione sono il Forte S. Giacomo, opera difensiva a pianta quadrangolare voluta dalla Repubblicana di Genova nel 1757 che ancora oggi sovrasta il Porto commerciale di Vado Ligure e il Forte S. Sebastiano (Batteria), costruito nel 1889 a protezione della valle di Vado, che si erge in tutta la sua imponenza all’interno del più esteso bosco di Quercia da sughero del Ponente Ligure. Ormai inglobate nel reticolo urbano sono Torre d’Ere (IX-X secolo), posta sulla sommità di Punta del Maiolo dinnanzi all’isola, e Torre Rovere (XV secolo). La terza torre, elemento di un più complesso sistema difensivo che interessava l’intera costa ligure, si trova sull’Isola di Bergeggi.

La chiesa parrocchiale di San Martino Vescovo conserva una pregevole tela di scuola ligure-toscana del ’500 raffigurante la Madonna del Rosario tra i Santi Caterina e Domenico e un crocifisso ligneo opera del Maragliano.

In tempi non remoti è sorto il moderno complesso residenziale di Torre del Mare che vanta spettacolari architetture degli anni ’50 progettate dall’arch. Milanese Mario Galvagni.

Le innumerevoli attività outdoor, praticabili tutto l’anno, danno la possibilità di godere appieno di  questo territorio dove il mare e la terra sono inscindibili e si compenetrano uno nell’altro, dando vita ad ambienti e scenari irripetibili.

 

Edinet - Realizzazione Siti Internet